Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 269668
                [name] => Mediavideo
                [slug] => mediavideo
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 24
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 108
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 269668
                [category_count] => 108
                [category_description] => 
                [cat_name] => Mediavideo
                [category_nicename] => mediavideo
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 219613
                [name] => Qui non c'è perché
                [slug] => qui-non-ce-perche
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 2
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 28
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 219613
                [category_count] => 28
                [category_description] => 
                [cat_name] => Qui non c'è perché
                [category_nicename] => qui-non-ce-perche
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 5398
                [name] => Il Progetto
                [slug] => testi
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 65
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 219613
                [count] => 4
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 5398
                [category_count] => 4
                [category_description] => 
                [cat_name] => Il Progetto
                [category_nicename] => testi
                [category_parent] => 219613
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 285181
                [name] => Libretto
                [slug] => libretto
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 71
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 219613
                [count] => 2
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 285181
                [category_count] => 2
                [category_description] => 
                [cat_name] => Libretto
                [category_nicename] => libretto
                [category_parent] => 219613
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 285181
                [name] => Libretto
                [slug] => libretto
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 71
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 219613
                [count] => 2
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 285181
                [category_count] => 2
                [category_description] => 
                [cat_name] => Libretto
                [category_nicename] => libretto
                [category_parent] => 219613
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 179
                [name] => Biografie
                [slug] => biografie
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 58
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 8
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 179
                [category_count] => 8
                [category_description] => 
                [cat_name] => Biografie
                [category_nicename] => biografie
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 5398
                [name] => Il Progetto
                [slug] => testi
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 65
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 219613
                [count] => 4
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 5398
                [category_count] => 4
                [category_description] => 
                [cat_name] => Il Progetto
                [category_nicename] => testi
                [category_parent] => 219613
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 5398
                [name] => Il Progetto
                [slug] => testi
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 65
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 219613
                [count] => 4
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 5398
                [category_count] => 4
                [category_description] => 
                [cat_name] => Il Progetto
                [category_nicename] => testi
                [category_parent] => 219613
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 219613
                [name] => Qui non c'è perché
                [slug] => qui-non-ce-perche
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 2
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 28
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 219613
                [category_count] => 28
                [category_description] => 
                [cat_name] => Qui non c'è perché
                [category_nicename] => qui-non-ce-perche
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
  • 23-10-2014

    Realtà, realismo e finzione

    Bandiera EN

     English version

     

    Conversazione con Giorgio van Straten

    Lingua: Italiano

    Tutto è manipolazione. Anche quando vedo il filmato dei terroristi che tagliano la gola al giornalista americano io sto assistendo ad una manipolazione, perché stanno facendo un montaggio, perché stanno scegliendo un’inquadratura piuttosto che un’altra. Quindi non c’é mai la possibilità di riprodurre la realtà esattamente com’è, perché avrò sempre un punto di osservazione, una scelta di regia, eccetera.

    Avendo io questo bisogno di realismo, di credibilità, nel momento in cui io mi trovo ad agire in un contesto che è per definizione non realistico – il palcoscenico – allora in qualche modo se io voglio che quello che succede sul palco sia credibile devo seguire una strada diversa, che è secondo me una strada molto più astratta di quella della letteratura. Funziona in quanto è astratta. È lo stesso motivo per cui a me non piacciono di solito nelle opere liriche le regie “attualizzanti”, quelle in cui, che so, la Traviata si fa di eroina, mentre mi convincono le regie che rendono più astratta quella storia, e quindi per renderla più astratta, più assoluta, parlano anche a me.

    La letteratura è uno strumento molto diverso da uno spettacolo dal vivo, perché la mediazione tra te e il lettore è molto più forte, perché il lettore si distanzia in senso fisico e in senso temporale da te che scrivi. Nello spettacolo dal vivo invece tutto si svolge quella sera lì, in quel posto, con quelle persone fisiche, e quindi in qualche modo a me piace la ricerca di una realtà che riguardi quelle persone non solo come interpreti ma anche come persone.

    Giorgio van Straten è un conosciuto scrittore italiano (Il mio nome a memoria, 2008; La verità non serve a niente, 2008; Storia d’amore in tempo di guerra, 2014) ed ha collaborato a diversi progetti di teatro musicale, tra l’altro con Giorgio Battistelli. Ho collaborato con lui per la prima volta a L’Aquila, su invito di Guido Barbieri, con Open, Air per il Festival “I Cantieri dell’Immaginario”; è librettista di – qui non c’è perché -.

    Una nota a margine: le registrazioni video delle conversazioni in questo blog sono volutamente effettuate con mezzi non professionali. Conversazione via Skype con un laptop di media capacità, registrazione a 10 fps con un semplice software normalmente reperibile in rete. Il motivo va molto al di là della semplicità logistica: mi interessa invece il valore linguistico della qualità tecnica di un audiovisivo. Penso per esempio alle immagini a bassissima qualità che i giornalisti mandavano dall’Iraq in diretta allo scoppio della guerra con i primi videofonini; o anche al significato estetico di un film in bianco e nero, sia storico che moderno (a volte con brevi ma fulminanti contraddizioni, come i pesci in “Rumble Fish” di Scorsese o il vestito rosa della bimba in “Schindler’s List” di Spielberg); in questo l’esempio più spettacolare è sicuramente “Zelig” di Woody Allen. Ne parlerò in futuro. E’ anche un piccolo omaggio al leggendario e meraviglioso “fuori sinc” di Enrico Ghezzi su RAI3… 

    Van-Straten-play

    Reality, realism and fiction

    In conversation with Giorgio van Straten

    (language: Italian)

    Everything is manipulation. Even when I watch the video of terrorists beheading an American journalist I am witnessing a manipulation, because the video is being cut by selecting a certain framing instead of another. It is therefore impossible to represent reality exactly as it is, there will always be a point of view, the choice of the director, etc.

    If I seek realism, or credibility, while operating in a context that is not realistic by definition – the stage – I therefore have to follow a different path, much more abstract than in literature. It works, because it is abstract. This is why, in opera, I don’t like a “modernising” mis-en-scène (such as when, for example, Traviata sniffs cocaine), while I value those productions that make the story more abstract, and by doing so make it more absolute, and speak to me more directly.

    Literature is a very different means from live theatrical shows, because in literature the mediation between the author and the reader is very strong, the reader being distant both in space and in time from the writer. In live theatre everything happens on that night, in that place, with those people, and in some way I like to investigate the reality of those people, not only as performers, but as individuals.

     

    Giorgio van Straten is a well-known Italian writer (Il mio nome a memoria, 2000; La verità non serve a niente, 2008; Storia d’amore in tempo di guerra 2014) and collaborated in various musical theatre works, with GiorgioBattistelli among others. I first worked with him in in Open, Air (in L’Aquila, invited to Guido Barbieri’s Festival “I cantieri dell’immaginario”); he is the librettist of – there is no why here – .

    A marginal note: the videos of conversations in this blog are deliberately of non professional quality. A Skype conversation on an average laptop, recording at 10fps with a simple software. The reasons for this go beyond the easy logistics: I am interested in the linguistic value of the technical quality of a video. I think about the extremely low-quality videos that journalists used to send live from Iraq with the earliest smartphones; or about the aesthetical meaning of a black-and-white movie, both historical and modern (sometimes with short but piercing contradictions: the fish in Scorsese’s Rumble Fish or the pink dress in Spielberg’s Schindler’s List); the most spectacular example of this is Woody Allen’s Zelig. I will return to this in the future. It can also be considered a small hommage to the legendary and wonderful off-sync of Enrico Ghezzi on RAI3…

  • 29-03-2014

    Dentro l’ideazione del progetto

    Venerdì 20 settembre 2013

    Spinto dalla sete, ho adocchiato, fuori di una finestra, un bel ghiacciolo a portata di mano. Ho aperto la finestra, ho staccato il ghiacciolo, ma subito si è fatto avanti uno grande e grosso che si aggirava là fuori, e me lo ha strappato brutalmente. – Warum? – gli ho chiesto nel mio povero tedesco. – Hier ist kein Warum – (qui non c’è perché), mi ha risposto, ricacciandomi dentro con uno spintone.

    Primo Levi, Se questo è un uomo

     

    Quanto all’ispirazione, Andrea Molino ama la parola necessità. Rivela che spesso nota certi temi o idee che divengono per lui importanti, e necessari, senza una spiegazione. E’ parte di un processo intuitivo. Attraverso l’accumulazione di incontri con persone, libri, articoli, alcuni di questi argomenti necessari arrivano come ad esplodere. E’ questo il momento in cui decide che deve lavorarci, creare qualcosa.

    Per – qui non c’è perché –, questa “esplosione” è avvenuta quando si è reso conto che il binomio bene/male sembra ben consolidato nella percezione collettiva, e viene spesso adoperato nel linguaggio comune e nella descrizione ed interpretazione degli eventi. Andrea: “Molti, se non tutti, i capi religiosi li usano come dato di fatto; alcuni leader politici usano regolarmente l’espressione “male assoluto”, riferendosi per esempio alla Shoah; George W. Bush ha descritto esplicitamente la “guerra al terrore” come “guerra del bene contro il male”; è facile trovare innumerevoli altri esempi. Guardando più in dettaglio, si vede che è impossibile trovare una definizione oggettiva, o almeno accettata dalla collettività, di tali categorie. Il bene e il male in un certo contesto possono rappresentare un giudizio personale e soggettivo, una norma sociale, o la pretesa di avere valore assoluto in relazione alla natura umana, o alla trascendenza religiosa che caratterizza quel contesto. Ma lo sviluppo di una società globale e interculturale ha messo in luce le contraddizioni e la reciproca incompatibilità delle diverse percezioni, mostrando come gli strumenti con cui tradizionalmente si affrontano queste questioni sono ormai inadeguati.”

    Per Andrea, il workshop ha superato ogni aspettativa. La sperimentazione e l’improvvisazione sono un elemento fondamentale del progetto. Questo approccio vocale è una scelta consapevole. Anche se la composizione è praticamente finita, intende mantenerla aperta a nuovi elementi risultanti da questo modo di operare. Ciò che vede adesso, maturerà nel lavoro finale. In un certo senso la composizione non potrà mai dirsi finita. Per lui, l’opera è qualcosa di vivo, pulsante, non fissato in maniera definitiva. Andrea: “Scrivo per le persone, non per le voci o gli strumenti. Concetti e caratteristiche non sono sviluppati in astratto, ma con in mente una persona, e hanno a che fare con una specifica situazione logistica. Mi serve questa immaginazione fisica per dare una forma al pezzo”.

  • 24-03-2014

    Libretto

    1.1 – the fight –
    1.2 – many things are possible –
    2.1 – the excitement of blind men – (il male lontano)
    2.2 – the wall – (il male vicino)
    2.3 – nanoùrisma – (il male dentro)
    3.1 – qui non c’è perché –
    3.2 Finale – ma noi siamo qui –

    1.1 – the fight –

    … E infatti; spinto dalla sete…
    …ho adocchiato fuori dalla finestra…
    …un bel ghiacciolo a portata di mano. …
    … Ho aperto la finestra,…
    …ho staccato il ghiacciolo,…
    …ma subito si è fatto avanti uno grande e grosso…
    …che si aggirava là fuori…
    …e me lo ha strappato brutalmente.

     – Warum? – gli ho chiesto ..
    … nel mio povero tedesco. …
    … – Hier ist kein Warum,- (qui non c’è perché)
    … mi ha risposto, …
    ricacciandomi dentro con uno spintone.

    [Primo Levi, Se questo è un uomo]

    1.2 – many things are possible –

    Many things are possible, but this one should not have happened.
    Which questions are allowed in front of an event which defies the meaning and the sense?

    – Why did this happen?
    – Why did they do this?
    – Why did they do this to us?
    – Why do such things happen?
    – What is the meaning?
    – What is the cause?
    – Why did nobody prevent this?

    These are questions we ask to God, when we don’t have the answers. But can we ask them to ourselves, too? Do we have this right?

    – Who has done this?
    – Who is guilty?
    – Who is responsible?

    Looking for the meaning, for the sense, can be literally deadly, it contradicts the essence of a place which defies meaning and sense. We want explanations, we want to know what to do. But there are no rules for the unprecedented.

    – Where did this come from?
    – Who created it?
    – Which will be the consequence?
    – Which will be our answer?
    – How much evil for this evil?

     

    2.1 – the excitement of blind men – (il male lontano)

    Crowd heads for this goal with unique determination…
    …and cannot be cheated of it.

    The proclaiming of the goal,
    the spreading about of who it is that is to perish,
    is enough to make the crowd form.
    Everyone wants to participate,
    everyone strikes a blow.

    The speed, elation and conviction of a crowd
    is something uncanny.

    It is the excitement of blind men
    who are blindest
    when they suddenly think they can see.

    The crowd particularly likes destroying houses and objects. Breakable objects like
    window panes
    mirrors,
    pictures
    and
    crockery

    and people tend to think that it is the fragility of these objects which stimulates the destructiveness of the crowd.

    In the end, there appears to be a single creature dancing, a creature with fifty heads and a hundred legs and arms, all performing in exactly the same way and with the same purpose. When their excitement is at its height, these people really feel as one, and nothing but physical exhaustion can stop them.

    They all stamp the ground and they all do in the same way; they all swing their arms to and fro and shake their heads.

    [Elias Canetti „Massa e Potere“]

    2.2 – the wall – (il male vicino)

    Come costruire un muro. Le dimensioni del mattone sono standardizzate e sono di 25x12x5,5 cm. Il peso di un mattone pieno è di circa 2,8 chilogrammi ; un peso di tutto rispetto che lo rende adatto alla realizzazione di strutture portanti, posandolo di piatto. Ma proprio per cercare di alleggerire il suo peso, e quindi il peso dei muri, si è cercato, in epoca moderna, di realizzare dei mattoni forati in modo da renderli meno pesanti pur non indebolendone la struttura.

    Con i mattoni, proprio per la loro forma standardizzata, è relativamente facile costruire un muro; rispetto alla costruzione di un muro di pietra, murare con i mattoni è più agevole anche se richiede più attenzione per evitare antiestetiche irregolarità che rovinerebbero l’aspetto di un muro di mattoni “faccia a vista”. Quasi sempre, oggigiorno, quando si sceglie di murare utilizzando i mattoni pieni lo si fa in virtù della bellezza dei mattoni che conferiscono al muro un aspetto classico, caldo, rustico ma non troppo. Per queste ragioni, se il muro è realizzato a regola d’arte non viene intonacato ma lasciato, appunto, “faccia a vista”.
    Per iniziare con la costruzione di un muro o di qualsiasi altro elemento è necessario dotarsi degli strumenti base di ogni muratore:
    – corde e picchetti
    – cazzuola da muratore
    – frattazzo di legno
    – mazzuolo e scalpello
    – una squadra di legno
    – livella a bolla e filo a piombo
    – regolo graduato

    La gettata di fondazione è il punto di partenza per costruire un muro di mattoni e dobbiamo essere certi che sia adeguata a sostenerne il peso. Una volta che è stata delimitata – per mezzo dei picchetti e del filo – l’area di fondazione, non ci resta che iniziare a scavare, con pala e piccone, fino a raggiungere una profondità consona all’altezza del muro che andremo a costruire.

    Le disposizioni più comuni per i mattoni sono le seguenti:
    – Disposizione a cortina: usata per rivestimento di strutture portanti. Gli elementi, tutti disposti di fascia, sono sfalsati verticalmente di 1/2 di modulo o di 1/4 di modulo.
    – Paramento a cortina (o alla fiamminga): gli elementi si alternano di testa e di fascia sia orizzontalmente che verticalmente.
    – Paramento a blocco: i corsi sono alternativamente formati da elementi di testa e da elementi posti di fascia.
    – Paramento olandese: un corso è il risultato dell’alternarsi di mattoni posti di fascia e di testa, il successivo da elementi tutti disposti di testa.
    – Paramento alla francese: i corsi risultano sfalsati di 1/4 di modulo, alternativamente avanti e indietro, i singoli elementi si susseguono in coppie disposte di testa con un elemento disposto di fascia.
    Disponiamo quindi uno strato di malta di circa 1 centimetro sulla fondazione ed iniziamo a posare il primo mattone partendo da un angolo e continuando fino a terminare il primo corso, all’angolo opposto. Posato il primo mattone sul letto di malta è necessario proseguire mettendo un po’ di malta sulla testa del secondo mattone perché questo si leghi al primo. Già dopo aver posato i primi 4 o 5 mattoni cominciate a verificare che essi siano perfettamente allineati e in bolla servendovi di una livella a bolla d’aria.

     

    2.3 – nanoùrisma – (il male dentro)

    Υπνε, που παίρνεις τα παιδιά, έλα πάρε και τούτο, μικρό-μικρό σου το δωσα, μεγάλο     φέρε μού το. Μεγάλο σαν ψηλό βουνό, ίσιο σαν κυπαρίσσι. Κι οι κλώνοι του ν    απλώνονται σ Ανατολή και Δύση.

    I have five children, the youngest is six months old, the oldest is seven years old.
    De kinderen namen plaats in de auto. Kom kinderen, zei ik, laten wee en eindje rijden.

                Because now I am becoming more aware…

    I put the pot on the stove and turned the fire on to let the water boil.
    Ik had haar gewassen en toen moest ik haar naar bed brengen

                …that I am almost always walking around…

    I said to my husband: there is a train strike, I stay home; I will bring the kid to the kindergarten
    We liepen over een brug en ze mochten vanmij enwaterin. Ik zei: zullenwe een duik nemen?

                …worried something bad is going to happen.

                …and that is hard for me to believe that this body is real and mine and theirs -ours- mine and that all those different ways of being me that feel like and some ways of being me believe or need to believe or needed to believe that all of the different ways of being me are in fact all in one real and here-right-now…

                I start to feel like it is it not right
    or that something is not right
    and I start to even feel ashamed.

                It is sort of a big circle…
    I try to start to know or to think about
    and then it gives me a bad feeling…

                and then I think
    what is all of this about?

    He was crying and crying and I needed silence
    Hij huilde en huilde en ik had stilte nodig

    in my mind it was a liberation, everything was a liberation
    in mijn gedachten was het een bevrijding, alles was een bevrijding

    I will always think to my children
    Ik zaal altijd aan mijn kinderen denken

    and now I have all this empty time to think about it
    en nu heb ik allemaal leege tijd om erover te denken

    my child is not dead
    mijn kind is niet dood

                Υπνε, που παίρνεις τα παιδιά, έλα πάρε και τούτο, μικρό-μικρό σου το δωσα, μεγάλο φέρε μού το. Μεγάλο σαν ψηλό βουνό, ίσιο σαν κυπαρίσσι. Κι οι κλώνοι του ν απλώνονται σ Ανατολή και Δύση.

    [Ninna nanna popolare greca
    Jenny Sawle: Artconstellation]

     

    3.1 – qui non c’è perché –

    E infatti: spinto dalla sete
    ho adocchiato fuori dalla finestra
    un bel ghiacciolo a portata di mano.
    Ho aperto la finestra,
    ho staccato il ghiacciolo,
    ma subito si è fatto avanti uno grande e grosso,
    che si aggirava là fuori,
    e me lo ha strappato brutalmente.

    -Warum? – gli ho chiesto
    nel mio povero tedesco.
    – Hier ist kein Warum,- (qui non c’è perché)
    Mi ha risposto,
    ricacciandomi dentro con uno spintone.

     [Primo Levi, Se questo è un uomo]

    3.2 Finale – ma noi siamo qui –

    To-morrow, and to-morrow, and to-morrow,
    Creeps in this petty pace from day to day,
    To the last syllable of recorded time;
    And all our yesterdays have lighted fools
    The way to dusty death.

    Out, out, brief candle!
    Life’s but a walking shadow, a poor player,
    That struts and frets his hour upon the stage,
    And then is heard no more.

    It is a tale
    Told by an idiot, full of sound and fury,
    Signifying
    nothing.

     [Shakespeare, Macbeth]

     

    It does not signify anything, but it is something.
    It should not have happened, but it did happen.
    We are those who hit the targets;
    we are those who built the walls;
    we are those mothers.

    There is no why here
    but – we – are – here.

     

    „Island 1“
    There remains, however, one fundamental problem, which touches upon one of the central moral questions of all time, namely upon the nature and function of human judgement.
    Those few who were still able to tell right from wrong went really only by their own judgements, and they did so freely.
    They had to decide each instance as it arose, because no rules existed for the unprecedented.

    [Hannah Arendt, Eichmann in Jerusalem – Of the Banality of Evil]

     „Island 2“
    Man’s ethical behavior should be effectively grounded on compassion, nurture, and social bonds.
    What is moral is not of the divine, but rather a purely human matter, albeit the most important of all human matters.

    [Albert Einstein, NBC radio interview]

     „Island 3“
    Social morality is contingent upon the individual’s capacity to take responsible decisions,  to make the fundamental choice between right and wrong. This capacity comes from this mysterious core – the very essence of the human person. This essence, however, cannot come into being or exist in a vacuum. It is deeply vulnerable and profoundly dependent on a climate of life; on freedom in the deepest sense: not license, but freedom to grow: within family, within community, within nations, and within human society as a whole. The fact of its existence therefore is evidence of our interdependence and of our responsibility for each other.

    [Gitta Sereny, Into That Darkness]

  • 24-03-2014

    Libretto ITA

    1.2 – many things are possible –

    Molte cose sono possibili, ma questa non sarebbe dovuta accadere.

    Quali domande sono ammesse di fronte a qualcosa che sfida il significato e il senso?

    – Perché è accaduto?
    – Perché ci hanno fatto questo?
    – Perché proprio a noi?
    – Perché queste cose accadono?
    – Qual è il significato?

    – Quale l’origine?
    – Perché nessuno l’ha impedito?

    Sono domande che si rivolgono a dio, quando non abbiamo le risposte. Ma si possono rivolgere anche a noi stessi?

    – Chi è stato?
    – Di chi è la colpa?
    – Chi ne è responsabile?

    Cercare il significato e il senso può diventare letteralmente fatale, contrasta le capacità richieste da un luogo che sfida proprio il significato e il senso. Vogliamo spiegazioni, vogliamo sapere come fare. Ma non esistono regole per ciò che non si è mai verificato in precedenza.

    – Da dove è arrivato il male?
    – Chi l’ha creato?
    – Quale sarà la punizione?
    – Quale sarà la nostra risposta?
    – Quanto male in cambio del male?

     

    2.3 – nanoùrisma – (il male dentro)

    Ho cinque bambini, il più piccolo ha sei mesi, il più grande sette anni

    I bambini sono saliti in macchina. Venite, gli ho detto, andiamo a fare una gita.

    Ho messo la pentola sul fuoco e ho acceso il gas per scaldare l’acqua.

    Ho fatto il bucato e ora devo portarla a letto.

    Ho detto a mio marito: c’è lo sciopero dei treni, rimango a casa. Porto io la bambina all’asilo.

    Siamo saliti sul pontile e l’ho fatto scendere nell’acqua attraverso una fessura. Gli ho detto: ci rinfreschiamo nel lago?

    Piangeva, piangeva e io avevo bisogno di silenzio.

    Nella mia mente era una liberazione, tutto era una liberazione.

    Penserò sempre ai miei bambini.

    E ora ho tutto questo tempo vuoto per riflettere.

    Mio figlio non è morto.

     

    3.2 Finale – ma noi siamo qui –

    Non significa nulla,
    MA E’ QUALCOSA.

    Questo non sarebbe dovuto accadere,
    MA E’ ACCADUTO.

    Noi siamo quelli che hanno colpito i bersagli,
    Noi siamo quelli che hanno costruito i muri,
    Noi siamo quelle madri.

    Qui non c’è perché,

    MA.

    NOI.

    SIAMO.

    QUI.

  • 24-03-2014

    Giorgio van Straten

    Giorgio van Straten (1955) is an Italian writer, editor and translator.

    From 1985 until 2002 he was chairman of the Orchestra Della Toscana. Following this he was director of the Maggio Musicale Fiorentino for three years and from 2005 to 2008 headed the Palazzo delle Esposizioni in Rome. On 18th February 2009 Giorgio van Straten was appointed a member of the board of directors of the Italian public broadcaster RAI.

    In 2000 he received the Ordine al merito della Repubblica Italiana and in the same year received four literary awards for his work Il mio nome a memori, translated into English as My Name, A Living Memory.

  • 24-12-2013

    Il progetto

    Bandiera EN

     English version

     

    – Qui non c’è perchè – è un progetto del compositore italiano Andrea Molino, con la direzione di Wouter van Looy.

    La differenza tra ‘bene’ e ‘male’ non è chiara solo  ai leader religiosi. Anche George Bush era convinto che la sua guerra al terrorismo sia stata ‘una guerra del bene contro il male’.  Se scaviamo più a fondo, però, sembra impossibile definire le due categorie in maniera oggettiva ed universalmente accettata. Secondo Hannah Arend, Qui non c’è perchè delinea ‘il problema fondamentale della natura e della funzione del giudizio umano’,  che implica il problema della responsabilità. Questa performance non pretende di presentare una soluzione chiara o semplici istruzioni. Piuttosto si tratta di una raccolta di diversi contributi, a volte contraddittori. Le immagini registrate dalle telecamere sul palco o da webcam esterne sono un contrappunto organico. I musicisti realizzano il video – che è parte della musica – come se fosse uno strumento.

     


    The project

    -there is no why here- is a project by Italian composer Andrea Molino, direction by Wouter van Looy.

    The difference between ‘good’ and ‘evil’ is not only clear to religious leaders. Even George Bush was convinced that his war on terror was ‘a war of good against evil’.  If we dig deeper, however, it seems impossible to define either category in an objective and generally accepted way. Following up on Hannah Arend, There is no why here outlines ‘the fundamental problem of the nature and function of the human judgment,’ which implies the problem of responsibility. This performance does not pretend to present a clear solution or even straightforward statements. Rather, it is a collection of different, sometimes contradicting contributions. Images recorded by cameras on stage or by external webcams are an organic counterpoint. The musicians play the video – which is part of the music – as if it were an instrument.

settembre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Logo coproduttori

© RAI 2013 - tutti i diritti riservati. P.Iva 06382641006 Engineered by RaiNet