Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 219613
                [name] => Qui non c'è perché
                [slug] => qui-non-ce-perche
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 2
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 28
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 219613
                [category_count] => 28
                [category_description] => 
                [cat_name] => Qui non c'è perché
                [category_nicename] => qui-non-ce-perche
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 269668
                [name] => Mediavideo
                [slug] => mediavideo
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 24
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 108
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 269668
                [category_count] => 108
                [category_description] => 
                [cat_name] => Mediavideo
                [category_nicename] => mediavideo
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
        [2] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 219613
                [name] => Qui non c'è perché
                [slug] => qui-non-ce-perche
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 2
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 28
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 219613
                [category_count] => 28
                [category_description] => 
                [cat_name] => Qui non c'è perché
                [category_nicename] => qui-non-ce-perche
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 269668
                [name] => Mediavideo
                [slug] => mediavideo
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 24
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 108
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 269668
                [category_count] => 108
                [category_description] => 
                [cat_name] => Mediavideo
                [category_nicename] => mediavideo
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
        [2] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 219613
                [name] => Qui non c'è perché
                [slug] => qui-non-ce-perche
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 2
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 28
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 219613
                [category_count] => 28
                [category_description] => 
                [cat_name] => Qui non c'è perché
                [category_nicename] => qui-non-ce-perche
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 269668
                [name] => Mediavideo
                [slug] => mediavideo
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 24
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 108
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 269668
                [category_count] => 108
                [category_description] => 
                [cat_name] => Mediavideo
                [category_nicename] => mediavideo
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
        [2] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 219613
                [name] => Qui non c'è perché
                [slug] => qui-non-ce-perche
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 2
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 28
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 219613
                [category_count] => 28
                [category_description] => 
                [cat_name] => Qui non c'è perché
                [category_nicename] => qui-non-ce-perche
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
  • 30-09-2015

    Il luogo dove avvengono le decisioni: l'arte e la polis

    Bandiera EN

     English version

     

    conversazione con Pietro Montani

    Lingua: italiano

    C’è la grande opportunità che si apre grazie alle nuove tecnologie per far diventare la natura già intimamente politica dell’arte, quando l’arte assolve davvero alla sua funzione, qualche cosa di più intimamente partecipativo. Naturalmente lo spettacolo, in particolare lo spettacolo teatrale, è sempre stato profondamente partecipativo; ma è tuttavia una partecipazione che si è consumata in senso fondamentalmente contemplativistico. C’è un modo di contemplare anche molto partecipato: si esce diversi dallo spettacolo a cui si ha partecipato con molta convinzione, facendo molta elaborazione personale, passionale, emotiva, eccetera. Si può uscire trasformati; ma si esce trasformati come soggetti. Più difficile è dire che quello spettacolo abbia effettivamente trasformato un pezzo di realtà. […] I partecipanti possono effettivamente introdurre qualcosa di determinante dentro l’opera, per esempio modificarla, modificarla a vari livelli, ma possono anche  costruire dei contesti di partecipazione che sono effettivamente “politici” nel senso dell’antica caratterizzazione di questa parola: il luogo dove avvengono le decisioni. Perché la “polis” non è tanto la città nel senso urbanistico moderno ma è lo spazio pubblico in cui si consumano decisioni importanti, in cui davvero la partecipazione cambia le decisioni; e così via.

    Io non finisco di stupirmi di quanto così timidi siano gli artisti… più che timidi, tradizionalisti: cioè legati a qualche cosa come la riproduzione dei vecchi problemi nelle nuove condizioni tecnologiche, piuttosto che fare apparire i nuovi problemi, una cosa che l’arte ha fatto sempre, proprio per sua natura, quella di… anticipare. 

    Pensa che cosa sarebbe possibile se a qualcuno fosse venuto in mente di fare un uso un po’ più spregiudicato dei famosi Google Glass; questo device mi sembrava e mi sembra tuttora di straordinarie opportunità. Ma non solo il device non ha avuto successo nel mercato, ma questo c’era da aspettarselo; soprattutto anche in fase sperimentale è stato utilizzato infinitamente al di sotto delle sue potenzialità. […] Quando è stato utilizzato in modo immediato, soprattutto per lavorare sui rapporti di reciprocità, pensa cosa potrebbe significare, durante uno spettacolo che avesse le sufficienti infrastrutture per accogliere questi interventi, una visione stereoscopica dello spettacolo stesso grazie al fatto che una quarantina, una cinquantina di spettatori potrebbero avere un Google Glass e intervenire, perché Google Glass non è soltanto un recettore ma qualcosa che può produrre dentro l’immagine… insomma, si tratta davvero di, come dire, liberare la fantasia ed essere più spregiudicati.  

    Pensa tu se questi spettatori si trovassero all’interno di una manifestazione politica in senso tradizionale. Uno degli esempi che faccio nel mio libro è quello delle controversissime piazze della Primavera Araba; pensa a che cosa potrebbe essere per noi, per il futuro e per gli usi che se ne sarebbero potuti fare di queste piazze, di ciò che è accaduto in queste piazze, se fossero state percorse da cento manifestanti muniti di un’apparecchiatura di quel genere, cioè di una tecnologia indossabile capace di riprendere e di introdurre riprese. Questo significa che verrebbe di colpo riqualificato il lavoro di ricostruzione del significato politico di alcuni eventi che hanno un carattere, tuttora, sommamente opaco. […] Ho in mente in particolare, un paio d’anni fa con i miei studenti abbiamo fatto un seminario su questo; uno o due film di Piazza Tahrir, quella egiziana, che abbiamo visto, ci erano sembrati particolarmente insoddisfacenti non tanto perché non fossero qualitativamente vivaci, emotivi, importanti, ma perché tu sentivi proprio che avresti avuto bisogno di una maggiore condizione stereoscopica, cioè di vedere di più, di vedere la piazza in modo più capillare e intersecato.

    [Tziga Vertov] è stato quello che ha visto più lontano di tutti. Oggi davvero siamo in grado di dirlo. È stato necessario un cinquantennio per ricominciare a prendere contatto con questo grandissimo pioniere. In una frase bellissima di cui non dimentico mai il tono sconsolato Vertov dice: “Per tutta la vita ho costruito una locomotiva, ma mi sono accorto che mi mancava la rete ferroviaria”. Capisci? La “rete” gli mancava…! È Vertov che ha anticipato. Sì, naturalmente, quello che ci siamo appena detti, sul piano di una struttura che è ancora pensata in senso fondamentalmente lineare, non come un ipertesto ma in modo lineare, Vertov l’aveva anticipata. Per esempio lui pensa a questo suo film del ’24, “Kinoglaz”, “Cine-occhio”, come ad un testo interminabile che può irradiarsi da centri di significato evidenziati dal film stesso, per esempio con le didascalie, nei modi più diversi. Lì ci troviamo di fronte a qualcosa che è interattivo – profondamente, costitutivamente – e anche autopoietico. E lì mancava, effettivamente, la rete, la famosa “rete ferroviaria” che oggi abbiamo.

     

    Pietro Montani, filosofo, ha insegnato Estetica, come professore associato, nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Urbino dal 1987 al 1992. Nel 1993 è stato chiamato, come professore associato di Estetica, dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “la Sapienza” di Roma, dove attualmente insegna presso il dipartimento di Studi Filosofici ed Epistemologici. Ha compiuto diversi studi nell’ambito della teoria estetica, con particolare riguardo alle problematiche di carattere linguistico e alle implicazioni dell’uso delle nuove tecnologie in campo comunicativo ed artistico. Nella nostra conversazione siamo partiti dal suo ultimo libro, “Tecnologie della sensibilità – Estetica e immaginazione interattiva”, per discutere del ruolo intimamente “politico” dell’arte in generale e del teatro in particolare; parlando di Google Glass, della Primavera Araba e di Piazza Tahrir, per terminare con Tziga Vertov, il grande regista russo che Pietro apprezza con passione e intensità e che ha più volte trattato in diverse occasioni.

     

       Conversazione con Pietro Montani
    .

       Conversation with Pietro Montani

     

    .
    Tziga Vertov, L’uomo con la macchina da presa
    .
    Il Cairo, Momamed Mahmoud Street (Piazza Tahrir), 20 novembre 2011
    .
    .
    Tziga Vertov, Man With a Movie Camera
    .
    Cairo, Momamed Mahmoud Street (Tahrir Square), November 20, 2011

     

    Where decisions are made: Art and the Polis

    in conversation with Pietro Montani

    Language: Italian

    There’s this great opportunity opened by new technologies: to make the intimately political nature of art – when art really fulfills its task – something more intimately participatory. Obviously performance arts, and theatre in particular, were always participatory, but this participation was always basically a contemplative approach. There is also a kind of participatory contemplation: you are changed by a performance that you watch with great conviction, with a passionate personal, and emotional, elaboration. You can be transformed by that, as a subject. It is more difficult to state that a performance changed a part of reality. […] The participants can indeed give a crucial contribution to a work, even change it, at various levels, as well as build participatory contexts that can be termed “political” in the originary meaning of the word: the place where decisions are taken. Because the “polis” is not so much the city – in the modern, “urban” sense, but the public space where relevant issues are debated, where participation really changes the resulting decisions; and so forth.

    I never cease being amazed at how shy artists are… or rather, traditionalists: I mean tied to things like reproducing old problems in new technological contexts, rather than facing new problems, something art has always done – by its very nature – to… anticipate.

    Imagine what could be possible is somebody thought of some more open-minded use of the famous Google Glass; this device seemed, and still seems to me, an extraordinary opportunity. Alas, the device not only was not commercially successful, which could be expected; but, especially in its experimental phase, it was used way below its potential. […] When used in an immediate way, to work on reciprocal relations, think what it could mean for a performance – if it had the infrastructure to include it – to have a stereoscopic vision of the show itself, thanks to 40 or 50 people in the audience with Google Glass who could intervene, because Google Glass is not only a recipient, but something that can create within the image… in short, it is all about, so to speak, freeing your fantasy and being more open-minded.

    Imagine one of these spectators in a traditional political rally. One of the examples in my book is about those extremely controversial public places during the Arab Spring; think about what it could mean for us, for the future, and could those places have been, what happened on those places, if they were peopled by a hundred demonstrators with that kind of device, a technology capable of shooting and transmitting video. We would abruptly become able to reassess the whole political meaning of some events that have remained, even up to now, largely opaque. […]
    I am thinking in particular – a couple of years ago we did a seminary on it with my students – about one or two videos from Tahrir Square, in Egypt, which had seemed to us especially unsatisfactory, not so much because they were not qualitatively intense, emotional, important, but because you felt precisely that you needed a more stereoscopic situation, to see more, to see the square in a more detailed and intersected way.

    [Tziga Vertov] was the one who saw the furthest. We can say that today. Fifty years were necessary before we reconnect to this great pioneer. In a beautiful phrase – I never forget its desolate tone – Vertov says: “I spent my whole life building a locomotive, but only now do I realise that the rail network is missing”. Do you see? He missed the “network”…! Vertov was ahead of his time. Of course, what we just said about a structure that is still conceived in a basically linear way, not as a hypertext, but in a linear way, that he foresaw. For example, in “Kinoglaz” from 1924, “Movie-eye”, he conceived an endless text that can derive from various meaningful nodes in the movie, for example through subtitles, or in other ways. There we find something interactive – deeply and constitutively – and also autopoietic. And there, indeed, what was missing, was the network, that famous “rail network” that we have today.

     

    Pietro Montani, philosopher, taught Aesthetics, in the Faculty of Letters and Philosophy of the University of Urbino, and in the University “La Sapienza” in Rome, where he actually teaches in the department of Philosophy and Epistemology. He researched various ambits of Aesthetic Theory, in particular the linguistic issues and implications of the use of new technologies in the artistic and communicative fields. In our conversation we started from his latest book “Technologies of Sensitivity – Aesthetics and interactive imagination”, to discuss the eminently “political” role of art in general, and of theatre in particular; discussing Google Glass, the Arab Spring and Tahrir Square, to conclude with Tziga Vertov, the great Russian film director that Pietro admires passionately, and whose work he repeatedly investigated.

     

     

luglio: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Logo coproduttori

© RAI 2013 - tutti i diritti riservati. P.Iva 06382641006 Engineered by RaiNet