Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 269668
                [name] => Mediavideo
                [slug] => mediavideo
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 24
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 108
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 269668
                [category_count] => 108
                [category_description] => 
                [cat_name] => Mediavideo
                [category_nicename] => mediavideo
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 269668
                [name] => Mediavideo
                [slug] => mediavideo
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 24
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 108
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 269668
                [category_count] => 108
                [category_description] => 
                [cat_name] => Mediavideo
                [category_nicename] => mediavideo
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
    Array
    (
        [0] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 269668
                [name] => Mediavideo
                [slug] => mediavideo
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 24
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 108
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 269668
                [category_count] => 108
                [category_description] => 
                [cat_name] => Mediavideo
                [category_nicename] => mediavideo
                [category_parent] => 0
            )
    
        [1] => WP_Term Object
            (
                [term_id] => 449320
                [name] => per forza di cose - a matter of things
                [slug] => per-forza-di-cose
                [term_group] => 0
                [term_taxonomy_id] => 151
                [taxonomy] => category
                [description] => 
                [parent] => 0
                [count] => 61
                [filter] => raw
                [cat_ID] => 449320
                [category_count] => 61
                [category_description] => 
                [cat_name] => per forza di cose - a matter of things
                [category_nicename] => per-forza-di-cose
                [category_parent] => 0
            )
    
    )
    
  • 07-01-2015

    Per un teatro della realtà

    Bandiera EN

     English version

     

    Conversazione con Guido Barbieri

    Lingua: italiano

    Oggi noi ci troviamo sempre più spesso con la necessità che sentiamo di radicare le storie che raccontiamo nella realtà – non tanto nella verità ma nella realtà. Nel cinema documentario c’è una categoria ormai riconosciuta storicamente che è il “cinema della realtà”; io non so se si possa dire “teatro musicale della realtà”…

    …tenendo gli occhi aperti, semplicemente tenendo gli occhi aperti, noi riceviamo una quantità enorme di informazioni. Queste informazioni ci colpiscono, mente e cuore, e se facciamo il mestiere di elaborare in parole e suoni queste fortissime tensioni che sentiamo, il gesto a quel punto diventa quasi immediato, necessario: non è un ornamento, non è una scelta estetica.

    Attraverso i suoni si possono raccontare le stesse storie, toccando però forme di sensibilità che non sono assolutamente quelle del racconto documentaristico ma che hanno a che fare con un’area ovviamente più imprecisa e più vaga e anche indecisa che è quella di quelle misteriose corde che legano il cuore e la mente.

    Portare in palcoscenico i testimoni della realtà che vogliamo raccontare è un meccanismo potente ma che rischia naturalmente di debordare, di assumere una funzione drammaturgica e narrativa troppo autonoma rispetto al gesto di stile che si vuole imprimere alla rappresentazione. Il gesto del compositore, del drammaturgo, è proprio questo: quello di creare una rete autonoma, linguisticamente consapevole, dentro la quale inserire tutti i pezzi della realtà.

    Guido Barbieri è un critico musicale, musicologo e drammaturgo. Fondatore, insieme ad Oscar Pizzo, della rassegna “Contemporanea” al Parco della Musica di Roma, ne è stato direttore artistico fino al 2009. È stato consulente artistico ed editoriale del Teatro Petruzzelli di Bari e direttore artistico della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” di L’Aquila e della Società dei Concerti “Guido Michelli” di Ancona. Recentemente è stato nominato direttore artistico delle Teatro Le Muse di Ancona. È una delle voci “storiche” di Radio3Suite su Radio3 ed è uno dei musicologi italiani più apprezzati.
    Nella nostra conversazione parliamo dell’opera musicale Portopalo. Nomi, su tombe senza corpi, andata in scena nel dicembre del 2006 all’Auditorium di Roma con le musiche di Riccardo Nova e la regia di Giorgio Barberio Corsetti, per la quale ha scritto i testi, e di Three Mile Island, sull’incidente nucleare del 1972 ad Harrisburg in Pennsylvania, che abbiamo realizzato insieme ed è andata in scena nel 2012 allo ZKM di Karlsruhe e poi al Teatro India di Roma. Altri suoi lavori significativi sono l’opera multimediale Al Kamandjati, per la regia di Moni Ovadia e le musiche di Franghiz Ali Zadeh, e l’opera 3.32 Naufragio di terra ideata insieme a Lucia Ronchetti ed eseguita alla Basilica di Collemaggio a L’Aquila.

       Conversazione con Guido Barbieri
    .

    Guido-Barbieri-play

       Conversation with Guido Barbieri

     

    .
    Andrea Molino/Guido Barbieri/Karl Hoffmann: Three Mile Island
    .
    Guido Barbieri/Oscar Pizzo/Guido Barberio Corsetti: Portopalo. Nomi, su tombe senza corpi
    .
    Three-mile-island-play Portopalo-play
    .
    Andrea Molino/Guido Barbieri/Karl Hoffmann: Three Mile Island
    .
    Guido Barbieri/Oscar Pizzo/Guido Barberio Corsetti: Portopalo. Nomi, su tombe senza corpi

     

    For a theatre of reality

    In conversation Guido Barbieri

    Language: Italian

    Nowadays we find ourselves more and more often with the need to entrench the stories that we tell in reality – not so much in truth, as in reality. In documentary cinema there is an historically acknowledged category called “the cinema of reality”; I don’t know if that can be applied to “musical theatre of reality”…

    …keeping our eyes open, simply keeping our eyes open, we receive an enourmous amount of information. This information strikes us, heart and mind, and if our job is to translate the extreme tension that we feel into words and sounds, at that point gesture becomes almost immediate, indispensable: it is not an ornamentation, nor an aesthetic choice.

    We can tell those same stories through sound, touching upon a kind of sensitivity that is not at all that of a documentary narrative, but that deals with a more vague, uncertain and ambiguous field, those misterious strings that tie the heart and the mind.

    Bringing on a stage those who witness the reality we want to narrate is a powerful mechanism, but it risks an overload, by becoming too autonomous as a dramaturgic and narrative function, in relation to the kind of stylistic choice that we wish to give to the performance. The gesture of the composer, of the playwright, is precisely this: the intent to create an autonomous net, linguistically aware, where we integrate all the pieces of reality.

    Guido Barbieri is a musical critic, a musicologist and a dramaturge. Founder, together with Oscar Pizzo, of “Contemporanea” at the Parco della Musica in Rome, he has been its artistic director until 2009. He has been artistic and publishing consultant of the Teatro Petruzzelli in Bari and artistic director of the Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” in L’Aquila and of the Società dei Concerti “Guido Michelli” in Ancona. He was recently appointed artistic director of the Teatro Le Muse in Ancona. He is one of the “historical” voices of Radio3Suite on Rai Radio3 and he is among the most appreciated Italian musicologists.
    In our conversation we mention the music theatre work Portopalo. Nomi, su tombe senza corpi, staged in December 2006 in the Auditorium in Roma with music by Riccardo Nova and the theatre direction of Giorgio Barberio Corsetti, for which he wrote the text; and Three Mile Island (on the 1972 nuclear accident in Harrisburg, Pennsylvania) that we realised together and that was staged in 2012 at the ZKM in Karlsruhe and at the Teatro India in Rome.
    Among his other works are the multimedia Al Kamandjati, directed by Moni Ovadia with music by Franghiz Ali Zadeh, and 3.32 Naufragio di terra (3.32 A Land Shipwreck) conceived with Lucia Ronchetti and performed in the Basilica di Collemaggio in L’Aquila.

settembre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Logo coproduttori

© RAI 2013 - tutti i diritti riservati. P.Iva 06382641006 Engineered by RaiNet